zanzara

Disinfestazione zanzare: come farla in casa

 

Piccole, rumorose e fastidiose. Succhiano il sangue, disturbano il sonno ronzando nelle orecchie e si impadroniscono degli aperitivi presi sul terrazzo di casa o a bordo piscina, delle cene romantiche in giardino o di momenti di pace e relax stesi su una bella amaca al sole. Sì sono proprio loro: le zanzare. Presenti ormai tutto l’anno, anche se sono solite prediligere il clima caldo e umido, le zanzare sono il peggior incubo di chi vuole trascorrere un po’ di tempo all’aperto o semplicemente vuole dar aria alla propria casa spalancando tutte le finestre. Come fare quindi per tenerle lontane? Come riappropriarsi dei momenti vissuti all’aperto? Tanti sono i rimedi casalinghi che si possono mettere in atto, ma solo uno pare funzionare davvero: la disinfestazione zanzare.

Si possono mettere le zanzariere alle finestre, ci si può spalmare il corpo di crema, si può riempire l’aria di odore di citronella spargendo candele e zampironi un po’ovunque e si può perfino riempire il giardino di casa di gerani, ma con nessuno di questi rimedi si arriverà ad ottenere lo stesso risultato che si ottiene con una disinfestazione dalle zanzare. Quando e come farla in casa propria? Da un lato ci si può affidare a degli esperti ed essere così certi che il lavoro verrà eseguito correttamente. Dall’altro si può tentare di seguire i consigli che si trovano in rete e provare in autonomia, ma sarebbe bene evitare di spruzzare nell’aria prodotti di ogni forma e colore senza saper come muoversi.

Per una corretta disinfestazione dalle zanzare occorre in primis capire che tipo di zanzare circolano in casa propria e nel proprio giardino e soprattutto scovare in che punto dell’abitazione si annidano. I professionisti del mestiere sanno molto bene come individuare i vari focolai ed effettuano anche più di una perlustrazione della zona prima di agire. Alle zanzare, ad esempio, piacciono i luoghi umidi e i posti dove ristagna l’acqua diventano in men che non si dica il loro habitat naturale. Ecco perché è bene controllare di non aver lasciato i sottovasi delle piante e dei fiori in casa e in giardino pieni d’acqua. Meno ristagni d’acqua ci sono, meglio è. Le zanzare cioè non potranno trovare un posto dove sentirsi a casa loro ed iniziare ad impadronirsi del territorio.

E’ importante, oltretutto, sapere che la disinfestazione delle zanzare va fatta in maniera preventiva per impedire che dallo stato larvale le zanzare possano svilupparsi e invadere casa. Esistono in commercio antiparassitari naturali e antiparassitari chimici, ma vanno utilizzati in luoghi determinati e facendo estrema attenzione alle possibili allergie di chi ne farà uso e di chi dovrà vivere o lavorare negli stessi spazi. Una corretta disinfestazione, infine, deve tener conto anche degli orari propizi e delle condizioni atmosferiche. A seconda dell’ora in cui verrà effettuata la disinfestazione si potranno ottenere risultati più o meno buoni, ma la discriminante maggiore sarà data dalle condizioni meteo. Se il giorno dopo aver fatto la disinfestazione pioverà, l’azione contro le fastidiosissime zanzare avrà meno efficacia del previsto.